breaking news New
  • 9:28 am Erogazioni Liberali 2019 Vediamo nel dettaglio i nuovi termini degli adempimenti dichiaratii cui devono attenersi le società sportive dilettantistiche
  • 1:12 pm Differenti idee della fase di possesso Come destreggiarsi nella scelta della modalità di sviluppo di questa fase fondamentale del gioco
  • 10:53 am Ullet Road Church Rebels FC. Più che una squadra, una famiglia A Liverpool c’è una realtà che offre accoglienza e una nuova speranza a ragazzi dal passato difficile che credevano di aver perso tutto
  • 9:41 am Trasferimenti e cessioni: novità normative In vista della nuova stagione sportiva va posta l’attenzione sul comunicato ufficiale n. 377 del 28 giugno 2019 della Lnd, dove si parla delle variazioni intervenute, tra gli altri, agli articoli 101, 103 bis e 110 delle NOIF
  • 12:00 pm Luca e Simone: due gemelli uniti dal pallone Entrambi difensori, entrambi cresciuti tra Cinecittà Bettini e Nuova Tor Tre Teste, da anni calcano i campi della Serie D (Simone ha vinto il campionato col Como). Ad accompagnarli, immancabili, ci sono i loro genitori Massimo e Anna. Ecco a voi la famiglia Sbardella

DomusBet Catania: un argento che vale oro

beach-soccer-mundialito-catania-zurlo-esulta A Mosca la DomusBet Catania cede solo in finale di misura alla formazione del Braga, confermando l’ottimo stato di salute della società e del movimento italiano

Una cavalcata splendida, finita sul più bello. La medaglia d’argento per il Catania Beach Soccer al Mundialito non macchia una fantastica avventura per una squadra che lo scorso anno ha centrato il double campionato-Coppa Italia. Dopo la finale col Braga, persa 7-6 al termine di una splendida battaglia, resta un po’ l’amaro in bocca per la squadra di Fabricio Santos. “È stata una fantastica avventura a Mosca – dice il presidente della DomusBet Giuseppe Bosco -. È stata la ventesima finale della nostra storia e ripartiremo senza piangerci addosso dopo questa sconfitta. Abbiamo fatto innamorare i catanesi con queste imprese e abbiamo impressionato per gioco, coesione, impegno e appartenenza verso questi colori”.

Un Catania che già l’anno scorso era riuscito ad acchiappare lo scudetto che mancava dal lontano 2008, vincendolo in casa sua e vendicandosi della sconfitta in finale contro la Sambenedettese della stagione precedente. E con questa dimostrazione di forza in campo internazionale dimostra di partire favorita per la vittoria dell’imminente campionato.

FENOMENI

Già, perché Lucao (capocannoniere del torneo con 12 gol), gli altri stranieri e gli italianissimi Zurlo, Corosiniti e Palmacci (insieme a Fred, brasiliano ormai catanese d’adozione) hanno giocato un Mundialito sontuoso. E se fra i pali del Braga non ci fosse stato un Rafael pazzesco, oggi forse si racconterebbe un’altra storia. Un Catania che ha convinto anche il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Cosimo Sibilia. Attraverso un tweet, il numero uno della LND ha voluto elogiare la prestazione della squadra allenata da Fabricio Santos. Già, perché dopo il trionfo europeo della Nazionale di Del Duca ad Alghero, un altro pezzo di Italia ha sfiorato un’impresa enorme. Prova che il Beach italiano è in grandissima salute e continua a crescere giorno dopo giorno.

beach-soccer-mundialito-catania-Fred-difende-palla

LA FINALE

Un match splendido sin dall’inizio a Mosca: sforbiciata di Leo Martins (che in Italia ha giocato con tantissime maglie e con squadre come Viareggio, Napoli e Milano) e vantaggio portoghese. Sydorenko pareggia, ma il Braga va sul 3-1 con due acuti di Jordan e Be Martins (il fratello di Leo). Rafael para tutto, Lucao e Bryshtel colpiscono pali e traverse, ma Leo infila il gol del 4-1. Sembra un incubo la gara per la DomusBet, che però ha la forza di reagire nonostante macini gioco senza concretizzare. Nel secondo dei tre tempi accorcia subito Bryshtel, con Lucao che trova immediatamente la terza rete con una zuccata di testa. Bokinha segna per il 5-3 e nel finale di tempo c’è spazio per un’altra super parata di Rafael: il portierone riesce a smanacciare un colpo di testa quasi imprendibile di Bryshtel. Il Braga segna anche il sesto gol, ma la DomusBet ha la forza di rimettere in piedi il match: l’asse bielorusso Bryshtel-Bokach porta il Catania a un solo gol da pari, ma Felipe fa 7-5 dopo altre due parate incredibili di Rafael. Ma siccome questo Catania non muore mai e lo scorso anno ha compiuto il definitivo salto di qualità, ci pensa Emmanuele Zurlo ad accorciare le distanze, con il punto del 6-7. Fabricio Santos ricorre alla mossa disperata e inserisce Palmacci come portiere di movimento, facendo diventare una partita di Beach Soccer come una gara di futsal. Ma è ancora Rafael l’uomo che distrugge i sogni rossazzurri, parando una rovesciata di Zurlo a 5 secondi dalla fine. Un Mundialito (quasi) perfetto, per una squadra che conquistato ancora di più i catanesi. E non solo.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password