breaking news New
  • 7:30 am Registro CONI: occhio alle novità Dal 1° gennaio 2019 è in vigore il nuovo Regolamento di funzionamento del Registro, che ha determinato l’introduzione di modifiche all'iter di trasmissione dei dati delle società sportive dilettantistiche e alle modalità di iscrizione precedentemente in uso
  • 4:11 pm La Cremonese premiata per il progetto Thisability Rivolto alle persone con disabilità, il riconoscimento è stato conferito dal Network PreSa “Prevenzione e Salute” per l’impegno della società in ambito sociale
  • 10:54 am Bambini e pallone oltre le sbarre “La partita con Papà”: quando il gioco del calcio scende sul campo della solidarietà sociale
  • 10:28 am Legge di Bilancio 2019: sarà sanatoria fiscale? In attesa della conversione in legge, si commentano i contenuti e i provvedimenti dell'Agenzia delle Entrate connessi al d.L. collegato alla legge di bilancio 2019 per quanto di riferimento allo sport dilettantistico
  • 3:57 pm Benvenuti nel mondo dello Special One A volte risulta antipatico, altre arrogante, ma i numeri parlano chiaro: José Mourinho è un allenatore poco spettacolare ma molto vincente. E il suo metodo, basato sulla gestione del gruppo e sull'organizzazione, ha fatto scuola

Dugout, il Social dei Club

Dugout vuole essere una finestra nel dietro le quinte dei grandi club di calcio europei, e permettere ai tifosi di restare connessi con la loro squadra 24 ore su 24, soddisfando le curiosità sull’attività oltre il campo di gioco dei calciatori più amati.

“Il gioco oggi è davvero globale e i tifosi non vogliono solo guardare le partite, vogliono seguire i loro club e i giocatori in giro per il mondo, anche fuori dal campo”: presenta così il progetto la co-fondatrice di Dugout, Elliott Richardson.

La sfida è quindi di coinvolgere gli appassionati del “beautiful game”, portandoli lì dove nemmeno Facebook li può portare, cioè direttamente in “panchina”, durante la preparazione, gli allenamenti, a tu per tu con i trick provati e riprovati dai campioni dei grandi club europei: un social network per curiosi e sfegatati, pensato soprattutto per una platea di giovanissimi. Il nome, non a caso, è stato scelto proprio perché è il termine usato nel baseball per indicare la panchina semi-interrata e zona in cui si riunisce la squadra prima del match, e dove di norma è risposto l’equipaggiamento: “dugout” per intendere ciò che c’è prima e dopo di un match.

I fondatori della piattaforma sono una ventina di club d’Europa, tra cui Juventus, Arsenal, Chelsea, Bayern Monaco, Barcellona, Liverpool e Paris Saint-Germain. Circa 150 invece i giocatori che hanno aderito, tra cui Gareth Bale, Alexis Sanchez, Edinson Cavani, Joe Hart, Neymar

Come Funziona

Accedendo alla piattaforma per prima cosa bisogna registrarsi: si può scegliere di associare il proprio account Facebook, Twitter o Google, oppure la propria email. Una volta entrati nel social ci si trova in una homepage con le notizie “top trend”, che al momento sono per la maggioranza video.
Si può costruire una propria lista di club e calciatori preferiti da seguire da vicino attraverso la pagina personale “La tua Dugout”, selezionando “squadre” e “giocatori” dal menù laterale in alto a sinistra.
Al momento l’unica opzione attiva per il profilo personale è il filtro dei contenuti in base agli interessi, mentre si attendono personalizzazioni maggiori come la possibilità di inserire foto e pubblicare post.

Per scoprire la piattaforma vai su www.dugout.com

 

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password