breaking news New

Futsal, avanti tutta

futsal Proseguono senza interruzioni i tornei nazionali maschili e femminili, che stanno già regalando sfide interessanti e anche qualche sorpresa

Nel futsal, la sirena non è mai suonata. Nel pieno rispetto delle normative di sicurezza anti Covid, i campionati nazionali sono prose- guiti regolarmente (eccetto l’Under 19, ferma dalla scorsa stagione), con il pallone a rimbalzo controllato che ha continuato a rotolare nei palazzetti di tutta Italia.

SERIE A

La stagione è iniziata con l’Opening Day ed è proseguita con il Boxing Day. Il primo (8-10 ottobre) è stato il #re5tart del futsal italiano, dopo un’astinenza durata 230 giorni. I club si sono ritrovate al Palasport di Salsomaggiore Terme per la prima giornata di campionato in una tre giorni all’insegna dello spetta- colo e della visibilità, con tre partite trasmesse in diretta Rai. Un evento perfettamente riuscito e una scommessa vinta.

E così, due mesi più tardi, ecco il Boxing Day in stile campionato inglese, sempre a Salsomaggiore Terme. Due partite giocate nello stesso giorno, il 26 dicembre, una di Serie A maschile (Saviatesta Mantova-Came Dosson) e l’altra di femminile (Città di Falconara-Montesilvano), ovviamente in tv, dove si sono raggiunti circa 150 mila spettatori. In campo, prosegue ormai da diverse stagioni il duello tra l’Acqua&Sapone, una delle società più longeve del futsal italiano, e l’Italservice Pesaro, l’ultima squadra a laurearsi campione d’Italia pre Covid.

futsal esultanza

Il futsal abruzzese domina la classifica

La società abruzzese – che in estate ha iniziato un nuovo percorso affidando la panchina all’emergente Fausto Scarpitti (molisano, 45 anni, ha mollato il lavoro in banca per fare l’allenatore a tempo pieno) – è prima in classifica con quasi 100 reti segnate. Una macchina da gol, frutto del futsal offensivo di Scarpitti e delle capacità di finalizzazione di Gui e Lukaian, i due bomber.

Il Pesaro, invece, è incappato in qualche pareggio di troppo che gli ha fatto perdere terreno, ma la beffa più grande è arrivata in Champions League. Gli uomini di Colini, alla terza stagione in panchina, hanno sfiorato l’impresa ai sedicesimi di finale contro l’ACCS Parigi di Ricardinho, Ortiz e dell’allenatore Velasco.

Una partita spettacolare, che ha visto il Pesaro andare in vantaggio col “Cobra” Borrutto, poi il pari dei parigini che si sono portati avanti nei supplementari e sono stati ripresi da Marcelinho. Ai rigori, dopo una sequenza interminabile, Honorio ha calciato fuori il tiro decisivo e infranto i sogni del Pesaro. “Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”, cantava De Gregori nei primi Anni ’80, e mai ritornello fu più azzeccato per un campione come lui (record di scudetti vinti, 7), che a 36 anni troverà la forza di rialzarsi e di tornare a dare spettacolo con le sue giocate.

Un gradino sotto a queste due c’è la Came Dosson, che rappresenta la città con il numero più basso di abitanti (6 mila) della Serie A. Il club veneto, alla quinta partecipazione nel massimo campionato, sta raccogliendo i suoi frutti dopo aver seminato per anni e dato continuità al progetto nato nel lontano 2002, quando l’attuale presidente (Alessandro Zanetti) difendeva i pali in Serie D con l’allora Color Service Treviso. Oggi il presente si chiama Sylvio Rocha, manager all’inglese più che allenatore all’italiana, che sta guidando la squadra con ottimi risultati. Lui in panchina e Japa Vieira, già 25 gol in campionato, in campo.

Un’altra bella storia è quella del Syn-Bios Petrarca, che fa parte della polisportiva Petrarca e, al terzo anno di Serie A, sta facendo un ottimo campionato con Luca Giampaolo, partito dai campionati regionali nel Lazio e ora allenatore di tutto rispetto in Serie A. In zona playoff ci sono anchc5e Sandro Abate Avellino, la squadra del presidente-giocatore Massimo Abate, il Signor Prestito CMB, rappresentato da Wilde (39 anni, 22 trofei in bacheca e già 20 gol nella nostra Serie A) e Neto (gol vittoria nella finale della Coppa del Mondo 2012 vinta dal Brasile), la Feldi Eboli dello spagnolo Riquer e la Meta Catania Bricocity dell’Azzurro Musumeci e Biagianti (storico capitano del Calcio Catania che è passato al futsal, senza però aver disputato ancora un minuto in Serie A).

SERIE A FEMMINILE

Tra le donne comanda il Città di Falconara. Da anni ormai nella massima serie, la squadra marchigiana ha allestito una squadra per puntare a vincere il primo scudetto della sua storia, ma dovrà fare i conti con le sempre note Statte (il club più titolato d’Italia, che però non vince un titolo dal 2015), il Kick Off Milano e il Montesilvano (ultimo trofeo in bacheca pre Covid, la Coppa della Divisione contro il Salinis a febbraio 2020).

Anche se il numero delle squadre si è ridotto da 16 a 10, il campionato resta comunque tra i più competitivi in Europa, merito di campionesse come Renatinha, Lucileia (Pallone d’Oro nel 2013), Dal’Maz e Vanin, senza dimenticare le Azzurre Boutimah (italo-maroc- china) e Grieco, che al cospetto della sua giovane età (21) ha già segnato 50 gol in Serie A.

SERIE A2

Gli altri campionati In A2, l’Atletico Nervesa si sta mettendo in mostra nel girone A. La squadra veneta può contare sull’ex storico capitano della Came Dosson, Erick Bellomo, e su Alemao, 7 titoli in carriera, tra cui 2 Champions League e un Europeo nel 2012 con la Spagna. Nel girone B, il mix di gioventù ed esperienza dell’Olimpus Roma sta finora pagando: in rosa ragazzi del settore giovanile come le coppie di fratelli Di Eugenio e Pizzoli, più i tre tenori Chimanguinho (arrivato nel mercato di riparazione), Dimas e Lolo Suazo.

Nel girone C’è lotta a due tra il RisparmioCasa Manfredonia e CLN Cus Molise dei giocolieri Paschoal e Barichello, due giocatori dalla tecnica assoluta e capaci di gol spet- tacolari, mentre nel D il Napoli di “Robocop” Fortino (campione d’Eu- ropa nel 2014) sta facendo la voce grossa. Nell’A2 femminile è lotta a due Padova-Audace Verona nel girone A, Virtus Romagna-TB Marmi Chiaravalle nel B, Vis Fondi-Best nel C e Molfetta-Five Bitonto nel D.

SERIE B

In Serie B il Leon Monza e Brianza è in testa al girone A, mentre lo Sporting Altamarca sta monopolizzando il B con un ruolino di marcia di sole vittorie. Spostandoci verso il centro, nel raggruppamento tosco-emiliano è lotta a tre tra Pro Patria San Felice, Modena Cavezzo e Olimpia Regium Reggio Emilia. Al centro Italia comanda il Cus Ancona, mentre nel Lazio è bagarre tra Cioli Ariccia, Fortitudo Pomezia e History Roma 3Z. Al sud, lo Sporting Sala Consilina ha inanellato un filotto di nove vittorie consecutive ed è in testa al girone F, in Puglia comanda il Canosa, mentre nel girone siciliano si stanno contendendo il primo posto in classifica Polisportiva Futura e Catanzaro.

👉 Leggi il nuovo numero di Calcio Illustrato 👈

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password