breaking news New
  • 7:30 am Registro CONI: occhio alle novità Dal 1° gennaio 2019 è in vigore il nuovo Regolamento di funzionamento del Registro, che ha determinato l’introduzione di modifiche all'iter di trasmissione dei dati delle società sportive dilettantistiche e alle modalità di iscrizione precedentemente in uso
  • 4:11 pm La Cremonese premiata per il progetto Thisability Rivolto alle persone con disabilità, il riconoscimento è stato conferito dal Network PreSa “Prevenzione e Salute” per l’impegno della società in ambito sociale
  • 10:54 am Bambini e pallone oltre le sbarre “La partita con Papà”: quando il gioco del calcio scende sul campo della solidarietà sociale
  • 10:28 am Legge di Bilancio 2019: sarà sanatoria fiscale? In attesa della conversione in legge, si commentano i contenuti e i provvedimenti dell'Agenzia delle Entrate connessi al d.L. collegato alla legge di bilancio 2019 per quanto di riferimento allo sport dilettantistico
  • 3:57 pm Benvenuti nel mondo dello Special One A volte risulta antipatico, altre arrogante, ma i numeri parlano chiaro: José Mourinho è un allenatore poco spettacolare ma molto vincente. E il suo metodo, basato sulla gestione del gruppo e sull'organizzazione, ha fatto scuola

Gli sforzi green a Euro 2016

Già da prima del 10 giugno con il documento programmatico Social & Sustainibility, la Uefa aveva reso chiare le sue intenzioni per un impatto quanto più possibile sostenibile di Euro 2016. Nel documento vengono indicate 8 priorità sociali, ambientali ed economiche suddivise in cinque categorie:

– Accessibilità per tutti;
– Rispetto e tutela della salute;
– Rispetto delle diversità;
– Cultura del divertimento;
– Rispetto e tutela dell’ambiente 

Accanto a ciò, un’attenzione particolare è stata posta all’efficienza energetica degli impianti che avrebbero, e stanno tuttora ospitando, le partite del torneo. Alcuni degli stadi utilizzati sono di recente costruzione e sfruttano le ultime tecnologie a disposizione per quanto riguarda l’ottimizzazione energetica; l’organizzazione ha prestato particolare attenzione all’attività di sensibilizzazione dei gestori degli stadi, affinché venisse data la precedenza a fonti rinnovabili di energia come il solare e l’eolico, e affinché fossero predisposti sistemi di monitoraggio dei consumi durante tutto Euro 2016

In questa stessa direzione ci si è mossi con la messa in funzione di sistemi di empowerment energetico destinati a coloro che avrebbero partecipato in veste di spettatori alla manifestazione: ad Euro 2016 erano attesi 2 milioni di partecipanti diretti che si sarebbero recati negli stadi, mentre in totale circa 6 milioni di fan sono stati stimati come frequentatori delle aree ufficiali della manifestazione. Per regolare in modo ecologico questa ingente mobilitazione è stato predisposto uno strumento chiamato Uefa eco-calculator che permette di calcolare il proprio carbon-footprint: si tratta cioè di una piattaforma web in grado di fornire informazioni relative al calcolo delle proprie emissioni inquinanti legate agli spostamenti per seguire match ed eventi di Euro 2016

Lo sforzo è quello della sensibilizzazione per prevenire inutili sprechi di energia, ottimizzare i consumi e rendere tollerabile, ecologicamente parlando, anche un evento imponente come un Europeo di calcio. Solo a giochi fatti, però, si potrà misurare il vero successo dell’impresa.  

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password