breaking news New

Innamorata del calcio… e dell’estate

Dal calcio ad undici al Beach Soccer. Il passo sembra essere breve, certo, ma non è scontato che si ottengano gli stessi risultati, così come non è scontato “sentirsi a casa” nel passare dal rettangolo verde all’arena sabbiosa ed infuocata in spiaggia. Nuove regole, terreno di gioco differente ma soprattutto nuovi stimoli. Già perché è sempre dagli stimoli, dai nuovi obiettivi che parte tutto o che tutto riparte fornendo quel trampolino propedeutico per affrontare qualsiasi ostacolo e qualsiasi cambiamento.

Così è stato per la catanese Mimma Fazio, portiere della DomusBet Catania Beach Soccer, che ha cosi raccontato l’andamento della sua carriera, tra il calcio sull’erba e quello sulla sabbia: “La mia grande passione per il calcio nasce da lontano, da quando ero bambina. Avevo cugini maschi della mia età a cui piaceva questo sport e ciò, giocando con loro, mi ha accompagnato ad appassionarmi e ad intraprendere questa splendida avventura. Passo dopo passo mi sono ritrovata a vivere di calcio. Facevo ciò che più amavo guadagnando, contemporaneamente e con esso, il tanto che mi bastava per potermi mantenere”. Prima di passare al Beach Soccer, tanti anni nel calcio a undici e tante soddisfazioni da incorniciare. Le maglie indossate sono di quelle importanti come Torres, Reggiana, Bardolino Verona, Lazio solo per citarne qualcuna: “Ho dei bellissimi ricordi, soprattutto dell’esperienza in Champions League con la Torres, probabilmente la gioia più grande della mia vita insieme alle presenze in Nazionale. Ho deciso di passare al Beach Soccer perché è tutto un altro sport. A me piace il caldo, vorrei poter giocare sulla sabbia per tutto l’anno, ma purtroppo non si può fare – scherza – Anche il pubblico è un fattore importante, sempre così numeroso e caloroso, notevolmente maggiore rispetto al calcio ad undici. Non ho nessun rimpianto per la scelta che ho fatto. L’esperienza in Euro Winners Cup è stata davvero meravigliosa, mi ha lasciato tanti bei ricordi”. 

La stagione del team etneo non ha portato trofei da mettere in bacheca ma una gran bella dose di esperienza per i futuri impegni. Nella kermesse continentale di fine maggio tante cose buone e qualche rammarico ma alla fine, ci si può ritenere più che soddisfatti: “Non ci aspettavamo di raggiungere il quinto posto. – dichiara – A conti fatti è stato un buon risultato anche se forse, avremmo potuto fare ancora meglio. Abbiamo perso a sei secondi dalla fine ed ovviamente ci è rimasto un po’ di amaro in bocca. È vero che affrontavamo la squadra, che avrebbe poi vinto il torneo, ma è anche vero che siamo state le uniche a segnargli otto reti! Peccato, saremmo potute andare in finale”.

Chiudere come Vice Campionesse d’Italia non è comunque un dettaglio per la DomusBet Catania e molto è merito di “saracinesca Mimma”: “Non eravamo il gruppo dell’Euro Winners Cup, c’erano altre ragazze che si sono impegnate al massimo, ma abbiamo peccato di inesperienza e abbiamo avuto poco tempo per allenarci. Terracina era più in condizione di noi, ma nonostante questo eravamo in vantaggio per 3-1. Per la prossima stagione speriamo di poter migliorare sia nel torneo continentale che in campionato, vincendo lo scudetto”. Chissà cosa vorrà fare da grande questa ragazza?: “Beh, ho già 35 anni, – ride – quest’anno ho firmato con una squadra di serie B, in modo tale da avere maggiori stimoli. Spero di poter ripetere anche l’annata con la DomusBet Catania Beach Soccer”.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password