breaking news New
  • 4:11 pm La Cremonese premiata per il progetto Thisability Rivolto alle persone con disabilità, il riconoscimento è stato conferito dal Network PreSa “Prevenzione e Salute” per l’impegno della società in ambito sociale
  • 10:54 am Bambini e pallone oltre le sbarre “La partita con Papà”: quando il gioco del calcio scende sul campo della solidarietà sociale
  • 10:28 am Legge di Bilancio 2019: sarà sanatoria fiscale? In attesa della conversione in legge, si commentano i contenuti e i provvedimenti dell'Agenzia delle Entrate connessi al d.L. collegato alla legge di bilancio 2019 per quanto di riferimento allo sport dilettantistico
  • 3:57 pm Benvenuti nel mondo dello Special One A volte risulta antipatico, altre arrogante, ma i numeri parlano chiaro: José Mourinho è un allenatore poco spettacolare ma molto vincente. E il suo metodo, basato sulla gestione del gruppo e sull'organizzazione, ha fatto scuola
  • 12:15 pm Il calcio “leggero” di Marco Mazzocchi Il giornalista sportivo della Rai è l'uomo che ha dato spazio ai Dilettanti sulla tv di Stato sul programma “B come Sabato”. “Raccontare il calcio di provincia, quello più legato al territorio, è stato divertente e bellissimo”

Nata con la divisa

Si dice sia difficile, ma non impossibile, esser profeti in patria e Valentina Cernoia ne è la dimostrazione: bresciana, capitano del Brescia in cui gioca dall’età di diciassette anni e con cui in Italia ha vinto tutto. Un legame così forte, quello tra Valentina, il Brescia e la sua città, da portare la centrocampista classe ’91 che ha appena conquistato la qualificazione agli Europei 2017 con la Nazionale italiana, a rifiutare in estate le offerte di blasonate squadre estere con cui avrebbe potuto lottare per quella Coppa dalle grandi orecchie che nessuna italiana ha mai alzato. Il motivo di questa scelta ce lo spiega subito: “Sono cresciuta con questa maglia che indosso. Quando questa estate mi si sono presentate alcune possibilità, ho pensato che questa squadra ha ancora margini di miglioramento, che il ciclo non è chiuso e che insieme avevamo ancora molti obiettivi da raggiungere. All’estero ci penseremo più avanti”. 

La passata stagione vi ha visto dominare in quella che è stata ribattezzata “La stagione del Triplete” e ripetersi non sarà facile. “Quello che abbiamo realizzato nello scorso campionato è frutto del lavoro e della determinazione, da queste due componenti è nato qualcosa di incredibile perché non dobbiamo neanche dimenticare che siamo giunte ai quarti di Champions League in quella che era solo la seconda esperienza per il Brescia nella competizione. Ripetersi non sarà facile, ma la società ci ha posto dei nuovi obiettivi e noi lavoreremo per raggiungerli”. 

Qual è il segreto di questo Brescia che nelle ultime tre stagioni ha sempre vinto almeno un trofeo? “Non penso vi sia un segreto, ma un insieme di componenti. Possiamo contare su uno staff competente e professionale guidato da Bertolini che è difficile non indicare come la migliore allenatrice in Italia; la società negli ultimi anni ha investito molto facendoci avvicinare sempre più a quell’idea di professionismo di cui il calcio femminile ha bisogno, basti pensare che da due stagioni iniziamo il ritiro a metà luglio; infine noi ragazze siamo una squadra vera, che in campo si aiuta sia quando le cose vanno bene che quando vanno male, abbiamo il piacere di stare insieme e di lavorare insieme sempre con il sorriso”. 

Non c’è un rischio appagamento? “Da quando è iniziato il ritiro nessuna di noi ha più parlato di ciò che abbiamo conquistato nella passata stagione, non c’è stato neanche bisogno di dirlo perché fa parte del passato. Si riparte da zero e la fame non ci manca”.

Lo scorso anno per Valentina è stato ricco di gioie rese forse ancor più dolci perché conquistate dopo l’infortunio alla caviglia che la costrinse a star ferma tre mesi saltando i quarti di Champions contro il Wolfsburg: “È stato un infortunio che mi ha fatto crescere – dichiara – anche se ho sofferto molto perché saltare un quarto di Champions di quel livello non è stato facile. Ho apprezzato tantissimo che sia all’andata che al ritorno il mister mi abbia comunque convocata e portata in panchina per stare vicina alla squadra. Il rientro ad aprile contro il Verona è stato una liberazione”.

Capitolo Nazionale, dove ha appena conquistato la qualificazione agli Europei. “Da quando sfumò la qualificazione mondiale due anni fa – raccontaabbiamo lavorato con un solo obiettivo in testa: andare in Olanda per gli Europei. Ci siamo riuscite ed è stato bello festeggiare davanti ai nostri tifosi. Adesso lavoreremo per cercare di migliorare i quarti di finale raggiunti agli ultimi Europei”.

 

Valentina Cernoia

Nata a: Manerbio (Bs) il 22 giugno 1991

Altezza: 160 cm

Peso: 55 kg

Ruolo: Centrocampista

Piede di calcio: sinistro

Pagina ufficiale fb: @ValeCernoia

Presenze complessive nel Brescia: 190

Presenze in Nazionale: 24

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password