breaking news New
  • 4:11 pm La Cremonese premiata per il progetto Thisability Rivolto alle persone con disabilità, il riconoscimento è stato conferito dal Network PreSa “Prevenzione e Salute” per l’impegno della società in ambito sociale
  • 10:54 am Bambini e pallone oltre le sbarre “La partita con Papà”: quando il gioco del calcio scende sul campo della solidarietà sociale
  • 10:28 am Legge di Bilancio 2019: sarà sanatoria fiscale? In attesa della conversione in legge, si commentano i contenuti e i provvedimenti dell'Agenzia delle Entrate connessi al d.L. collegato alla legge di bilancio 2019 per quanto di riferimento allo sport dilettantistico
  • 3:57 pm Benvenuti nel mondo dello Special One A volte risulta antipatico, altre arrogante, ma i numeri parlano chiaro: José Mourinho è un allenatore poco spettacolare ma molto vincente. E il suo metodo, basato sulla gestione del gruppo e sull'organizzazione, ha fatto scuola
  • 12:15 pm Il calcio “leggero” di Marco Mazzocchi Il giornalista sportivo della Rai è l'uomo che ha dato spazio ai Dilettanti sulla tv di Stato sul programma “B come Sabato”. “Raccontare il calcio di provincia, quello più legato al territorio, è stato divertente e bellissimo”

Un gol non sempre ti fa vincere la partita

Uno spot e un'azione concreta a sostegno della prevenzione del tumore al seno, il gesto della Asd Riozzese. Perché lo sport “serve a unire, ma soprattutto a sensibilizzare”

Il 12 dicembre 2018 si è tenuto a Roma il Consiglio del Dipartimento Calcio Femminile. L’appuntamento, seguito dalla riunione dei Responsabili Regionali, ha visto la partecipazione del Presidente della Lnd, Cosimo Sibilia, che ha aperto i lavori preceduti dalla proiezione dello spot a sostegno della campagna di prevenzione del tumore al seno realizzato dall’Asd Riozzese, club che milita nel campionato femminile di Serie C. Presenti anche il Delegato Sandro Morgana, il Segretario Patriza Cottini, il Vice Segretario Andrea Polidori, il Consigliere Valentina Roscini e il Rappresentante dei Responsabili Regionali, Ida Micheletti.
La prevenzione ha l’obiettivo di individuare le cause e fermare lo sviluppo di un male che colpisce 53.000 donne ogni anno: “Per noi è stato molto facile realizzare questa iniziativa – dichiara il Direttore Generale rosanero, Germano Sessa -. Uno dei nostri sponsor, che è anche un centro medico, ci ha illustrato le cause di questo male e soprattutto quello che si può fare grazie alla prevenzione. è un tema che da subito ha risvegliato in noi la voglia di sensibilizzare più persone possibili alla prevenzione, di fargli capire come un semplice controllo possa in realtà salvare la vita. Il resto lo hanno fatto le nostre splendide ragazze con l’aiuto per noi fondamentale della Lnd”.
“Ci è sembrato scontato abbracciare un progetto importante come quello della Riozzese – ha commentato il Presidente Sibilia -. Mi auguro che le atlete possano accogliere questo invito. La LND ha concesso il patrocinio morale e sosterrà convintamente la campagna”. Ha aggiunto Morgana: “I dati statistici parlano chiaro, la prevenzione diventa fondamentale perché il tumore va preso e combattuto in tempo”.

 

UN GESTO CONCRETO
La prevenzione, una parola diventata sempre più importante. Tutti sanno che è più necessaria la prevenzione della cura, ma pochi premiano gli atti di prevenzione. “Mentre realizzavamo il video, ci accorgevamo sempre di più del servizio e dell’aiuto che stavamo dando a tante donne – continua Sessa -. Grazie al nostro sponsor abbiamo dato un segno concreto mettendo a disposizione uno screening gratuito utile per tutti per evidenziare da subito eventuali problemi. Questo deve essere uno dei compiti dello sport, che è quello di unire e di sensibilizzare. Il suo enorme seguito lo rende il veicolo migliore per arrivare a tutti, grandi e piccoli”. Ogni donna che scende in campo ama alla follia questo sport ma spesso nasconde le sue fragilità. La prevenzione è importante proprio per permettere a tutte di difendersi da un nemico silenzioso e che non fa differenze. La vera vittoria della Riozzese è quella di non aver abbassato mai la guardia su questo tema aumentando l’informazione nei confronti non solo della malattia, ma soprattutto del primo rimedio possibile: la prevenzione. Per tutte le donne della società e per tutte quelle che ne faranno richiesta, ci sarà uno screening gratuito e un controllo accurato. Queste sono le azioni che ci piacciono, quelle che fanno vincere la partita più importante.
Si dice che le donne abbiano un unico difetto, a volte si dimenticano di quanto valgono. Se questo vale nella vita figuriamoci nel calcio, dove solo negli ultimi anni ci si è accorti dell’enorme valore morale ed economico che ruota attorno al calcio femminile. Ma stavolta lo sport è solo il veicolo per aiutare a comprendere l’importanza della salute e soprattutto della prevenzione.

 

UNA SOCIETA’ SEMPRE ATTENTA
Grazie a questa straordinaria iniziativa, il sociale continua ad essere una delle caratteristiche storiche della Riozzese, società che insegna calcio dal 1964 e che dal 2002 ha iniziato, in tempi ancora molto acerbi, l’attività di calcio femminile. Paradossalmente, è stato proprio il settore femminile a risultare determinante nel tempo per le sorti e il prestigio della Riozzese. Il 2018 sta regalando alla società rosanero una stagione esaltante: prima in classifica nel girone B di Serie C con sette vittorie su sette partite giocate e con la voglia di tornare subito a calcare i campi più importanti della categoria. Tutto questo è il frutto del lavoro si una società improntata su serietà e professionalità, consapevole del ruolo che si è ritagliata nel tempo in tutta la zona sud di Milano. Non solo la prima squadra però, perché la Riozzese parte dal basso e nel tempo ha creato un centro sportivo all’avanguardia sviluppando ben 6 categorie che partono dall’Under 15 fino a salire: “Siamo una società che punta sulla qualità e sul lavoro. Nel tempo ci siamo organizzati come una squadra di alto livello cercando di non lasciare nulla al caso e di crescere lentamente ma con fondamenta solide. Puntiamo ai massimi livelli, non ci nascondiamo, però vogliamo farlo con una crescita che sia costante nei numeri e nella qualità”. “Siamo tutti molto felici del crescente interesse che c’è sul calcio femminile. Per noi è un piacere assistere a gare di alto livello e anche a derby sentitissimi come quello che abbiamo qui a Milano. Il movimento sta crescendo e questo non può che far bene a tutti quanti”.

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password